Anatomia artistica

rev847481-ori

Anatomia artistica

Anatomia Artistica” è l’espressione di un’ esperienza vissuta del corpo (da donna, da consumatore, da paziente ecc.). Attraversa diversi aspetti e concezioni del corpo umano: il corpo come oggetto del mondo materiale; come luogo dell’identità e come territorio contestato dai discorsi dei multipli poteri che agiscono su di esso (medicina, genetica, farmaceutica, giurisprudenza, religione, commercio, sessismo ecc.).

Sabato 9 gennaio 2010 alle 19.00 verrà inaugurata la mostra “Anatomia Artistica” dell’artista inglese Keren Orr.
Donna vigile nel captare i segnali che affiorano dal sistema “arte”, dal sistema “società”, dal sistema “esistenza”, Keren osserva, scruta, scarnifica la superficie alla ricerca del bandolo della matassa che porta inesorabilmente a scoperchiare pentole che non tutti vogliono considerare esistenti. Il ragionamento si fa stringente e la necessità di porre domande si accompagna al desiderio di svelamento. Approdata a Venezia grazie ad una borsa di studio ottenuta al Leverhulme Trust, GB, attualmente studia all’Accademia di Belle Arti lagunare arti visive. Durante gli anni di studio che le faranno conseguire la laurea all’Universita’ di Wolverhampton, l’artista espone più volte le sue opere a Londra e in Italia.“Anatomia Artistica” è l’espressione di un’esperienza vissuta del corpo (da donna, da consumatore, da paziente ecc.). Attraversa diversi aspetti e concezioni del corpo umano: il corpo come oggetto del mondo materiale; come luogo dell’identità e come territorio contestato dai discorsi dei multipli poteri che agiscono su di esso (medicina, genetica, farmaceutica, giurisprudenza, religione, commercio, sessismo ecc.).

Piuttosto che ricerca sistematica, i lavori esposti costituiscono un istante di pausa all’interno di un’indagine personale sull’essere, sulla possibilità di esistere e di definirsi indipendentemente dai discorsi che vorrebbero costituirci soggetti a modo loro.
Le opere sono dunque riflessioni, domande, proteste, evocazioni di uno stato d’animo, o semplici ricordi della distanza tra emozione ed intelletto, evidenziano la fragilità non solo dei nostri corpi ma anche delle nostre stesse idee.
“Sembra che la nostra mente debba prima costruirsi le forme indipendentemente per poterle poi vedere nelle cose”. (Albert Einstein)

Keren Orr